Il vampiro di Venezia

Un libro di Giada Trebeschi

Un giallo storico coinvolgente e emozionante. L’autrice porta il lettore in giro per la Venezia di fine ‘500 e gli fa fare uno straordinario viaggio nel tempo e nello spazio. Non manca la vena thriller che non lascia tregua ed è difficile non leggere il romanzo d’un fiato. La ricostruzione storica è inappuntabile e la struttura giallistica calcolata al millimetro tanto che, cosa molto strana per un lettore di gialli come me, non sono riuscita a capire chi fosse davvero l’assassino fino al finale. Un libro davvero imperdibile.

  • Titolo: Il vampiro di Venezia
  • Autore: Giada Trebeschi
  • Lingua: Italiano
  • Editore: Oakmond Publishing ( 2017 )

Formati:

Venezia, Natale 1576 – In un anno la morte nera ha falcidiato un terzo della popolazione della città e, come se non bastasse, la vigilia di Natale non solo avviene il primo di una serie di efferati omicidi ma sull’isola del Lazzaretto Nuovo scoprono una masticatrice di sudari, una sorta di vampiro, un mostro che torna dai morti cibandosi di sangue umano.
Nane Zenon, un alchimista in odore di negromanzia, rende il vampiro inoffensivo eppure il terrore non lascia tregua. Sono in molti a credere che gli omicidi abbiano a che fare con i masticatori e così, per volere del Doge in persona, Nane si troverà ad affiancare le indagini del Signore di notte al Criminàl Orso Pisani.
Orso è però un magistrato pragmatico che non crede ai succhia sangue né alle superstizioni e risolverà il caso minando le certezze di Nane e mettendolo di fronte a una realtà ben più terrificante di qualsiasi mostro immaginario.
Sullo sfondo di questa storia oscura e angosciosa la città dei mercanti, degli ebrei e degli arabi che non disdegnano di fare affari insieme; la Serenissima delle spie e delle cortigiane, dei segreti e degli intrighi, la magica e struggente Venezia dei ricami di pietra e degli amori impossibili.