Telesca – Emanuele Telesca

Sono nato a Milano nel 1985 e da allora non ho mai tradito il capoluogo meneghino. Qui sono cresciuto, qui sto invecchiando. A Milano mi sono laureato in Giurisprudenza, a Milano lavoro, a Milano mi sono appassionato di volontariato, etica e politica.

Frequentando l’associazionismo milanese ho avuto la fortuna di incontrare persone straordinarie, tra le quali una splendida ragazza che è diventata mia moglie e con la quale abbiamo messo al mondo due bellissime bambine.

Scrivo sin dall’adolescenza. Brevi racconti e pagine di diari sono lievitati fino a divenire romanzi. Le mie precedenti pubblicazioni (Non mi viene in mente niente. Giornata di uno scrittore mai nato, La Gru Edizioni, anno 2013; In attesa di un anno migliore, Lettera Animate, anno 2016) sono il giusto viatico al nuovo lavoro dal titolo Delle brave persone in uscita con la Oakmond Publishing nel 2019. Non un punto di arrivo ma piuttosto un punto di partenza per nuove creazioni, godendo della bellezza data dall’incontro e dal dialogo con i propri lettori.

Qui il sito dell’autore www.emanueletelesca.it

I libri di Emanuele Telesca

La parola desueta: Affettato
La parola desueta: Affettato

Artificioso, privo di naturalezza, non spontaneo! Special guest: Sara della piadineria “La Siesta” di Pescara La parola desueta di oggi, AFFETTATO, la potete trovare anche su YouTube cliccando …

La parola desueta: Ciambellano
La parola desueta: Ciambellano

Gran dignitario che nelle corti medioevali e moderne era addetto agli appartamenti reali, al guardaroba reale e anche alla sala del tesoro. Oggi questa figura si è perlopiù trasformata in quella del…

La parola desueta: Abborracciare
La parola desueta: Abborracciare

Fare o dire qualcosa alla meno peggio, mettere insieme alla meglio per malavoglia o incompetenza, arrangiare, insomma, eseguire qualcosa senza pregio alcuno. Special guest: l’attore Luca Luciani …

La parola desueta: Nequizia
La parola desueta: Nequizia

Malvagità, cattiveria, iniquità, propensione al male, azione perversa. Dal latino “nequam” aggettivo indeclinabile che significa di cattiva qualità, di poco valore, malvagio, dissoluto. La p…

La parola desueta: Titillare
La parola desueta: Titillare

Solleticare leggermente, accarezzare piano, stuzzicare, stimolare, eccitare, lusingare anche in senso figurato. Si può, per esempio, titillare anche l’ambizione o l’amor proprio di qualcuno. L…

A morte i razzisti
A morte i razzisti

A morte i razzisti di Alessandro Ghebreigziabiher – A few Highlights like prices and/or location of plot. about 50 words Titolo: A morte i razzistiAutore: Alessandro GhebreigziabiherLingua: It…

La parola desueta: Mendace
La parola desueta: Mendace

Che non dice la verità, ingannevole, bugiardo e menzognero! La parola desueta di oggi, MENDACE, la potete trovare anche su YouTube cliccando qui. Potete trovare tutte le parole desuete anche su…

La parola desueta: Scinnide
La parola desueta: Scinnide

Danza dionisiaca sfrenata e indecorosa! Special guest: il grande percussionista Giorgio Rizzo. La parola desueta di oggi, SCINNIDE, la potete trovare anche su YouTube cliccando qui. Potete trova…

La parola desueta: Latomie
La parola desueta: Latomie

Cave di pietra (dal greco pietra e taglio) nelle quali, nell‘antichità, lavoravano prigionieri di guerra e detenuti. Queste sono quelle della Pillirina a Siracusa dalle quali, pare, abbiano tagliat…

La parola desueta: Subornazione
La parola desueta: Subornazione

Corruzione. Molto usato nel linguaggio giuridico è il reato di colui che corrompe un testimone, un perito o altro con denaro o altri vantaggi. La parola desueta di oggi, SUBORNAZIONE, la potete tr…

La parola desueta: Culaccino
La parola desueta: Culaccino

Ciascuna delle estremità di un insaccato di carne ma anche il residuo di un liquido che resta in fondo a un bicchiere o a un piccolo contenitore! Special guest: Marco De Amicis La parola desueta d…

La parola desueta: Anodino
La parola desueta: Anodino

Blando analgesico, farmaco che lenisce il dolore in medicina ma nell’uso comune, persona senza carattere, che non prende posizione decisa, che non esprime un parere netto. Si pronuncia “anòdino…

La parola desueta: Albedo
La parola desueta: Albedo

La parte più interna, bianca e spugnosa della buccia degli agrumi! E per i fisici, sì, certo, è il coefficiente di radiazioni ondulatorie o corpuscolari da parte di una superficie. Special guest: N…

La parola desueta: Eudemonia
La parola desueta: Eudemonia

La felicità quale scopo di vita e fondamento etico, felicità come fine ultimo dell‘agire umano. Dal greco „eu“ buono e „daimon“ genio, demone. Può consistere nella rettitudine, nel piacer…