Gambelli – Emiliano Gambelli

Nasco a Roma nel 1984 e questo è l’unico dato certo che ho. Dopo aver perso tempo, certo del fatto che questo non esistesse, mi ritrovai improvvisamente nel distretto della vita assieme a tantissima gente.

Il distretto non si chiama certo così per caso. Soffocante, pieno, ripieno e anche un po’ sudaticcio. In pratica un autobus qualunque di una città qualunque di un giorno qualunque. Fate voi! Di certo non posso fare tutto io no?

Ero li che mi trastullavo a cavallo dell’equinozio quando all’improvviso caddi. Come San Paolo (il meno noto fratello del protettore delle patatine… San Carlo) trovai la retta via. Peccato fosse dietro l’angolo quindi non la vidi. Fu proprio all’ufficio oggetti smarriti, sito all’interno del distretto della vita, che ritrovai il coraggio. Lo portai a casa e lo adagiai su un letto d’insalata. Presi un bisturi e lo incisi ad Y. Capii che non era mai morto. Lo capii ovviamente dopo averlo aperto e sviscerato, quindi troppo tardi, ma mi ricordai immediatamente che il tempo non esiste. Così tirai un sospiro di sollievo perdendo anche quello…

Durante tutto questo ho inciso canzoni, scritto testi e pubblicato alcuni libri, tra cui tre più un altro che si chiama Racconti assurdi ma non troppo, edito nel 2019 da Fucine Editoriali. Da lì sono iniziato io e io sono tutto ciò che basta per essere abbastanza. Credo.

No, non è vero non credo in nulla.



I libri di Emiliano Gambelli