Di Battista – Alfio Cataldo Di Battista

Alfio Cataldo Di Battista è nato in Francia ad Avignone da genitori abruzzesi.
Vive a Capistrello nella provincia dell’Aquila.
È funzionario di banca e si occupa di consulenza finanziaria nell’ambito del private banking.
Nelle vite precedenti ha prima frequentato le scuole di volo dell’Aeronautica Militare conseguendo il brevetto di pilota d’aeroplano e poi ha lavorato nel campo della geologia in giro per l’Italia.

Si interessa di macroeconomia nel tentativo di capire dove è diretto il nuovo mondo e fa politica attiva come forma si resistenza al nichilismo dilagante.È un appassionato di letteratura che sperimenta caffè letterari nei bar dove non di rado incontra personaggi che sembrano essere scappati da un libro. Scrive sempre andando alla ricerca di qualcosa.
Nel 2016 pubblica in self publishing il romanzo Il confine invisibile e l’anno successivo il libro riceve il riconoscimento della critica a Laveno Mombello in provincia di Varese nell’ambito del 2° Concorso letterario Antonia Pozzi, promosso da Tracce Per La Meta – Edizioni.

Dopo questa prima esperienza decide, per il suo secondo romanzo, di provare a farsi affiancare da una casa editrice e così invia a diversi professionisti del settore il manoscritto per una valutazione. La scelta è azzeccata poiché il manoscritto piace e più di un editore gli propone la pubblicazione. Dopo un periodo di riflessione Alfio sceglie di pubblicare il suo romanzo in uscita nel 2020 con la Oakmond Publishing.

Il libro è un avvincente romanzo giallo la cui trama non manca d’investigare in profondità molte fra le peggiori sfaccettature dell’attuale situazione socio-politica regalando ad alcuni dei protagonisti lo spazio adatto per brevi ma efficacissimi scambi di filosofia politica che, di certo, non lasceranno il lettore indifferente.

I libri di Alfio Cataldo Di Battista

La parola desueta: Affettato
La parola desueta: Affettato

Artificioso, privo di naturalezza, non spontaneo! Special guest: Sara della piadineria “La Siesta” di Pescara La parola desueta di oggi, AFFETTATO, la potete trovare anche su YouTube cliccando …

La parola desueta: Ciambellano
La parola desueta: Ciambellano

Gran dignitario che nelle corti medioevali e moderne era addetto agli appartamenti reali, al guardaroba reale e anche alla sala del tesoro. Oggi questa figura si è perlopiù trasformata in quella del…

La parola desueta: Abborracciare
La parola desueta: Abborracciare

Fare o dire qualcosa alla meno peggio, mettere insieme alla meglio per malavoglia o incompetenza, arrangiare, insomma, eseguire qualcosa senza pregio alcuno. Special guest: l’attore Luca Luciani …

La parola desueta: Nequizia
La parola desueta: Nequizia

Malvagità, cattiveria, iniquità, propensione al male, azione perversa. Dal latino “nequam” aggettivo indeclinabile che significa di cattiva qualità, di poco valore, malvagio, dissoluto. La p…

La parola desueta: Titillare
La parola desueta: Titillare

Solleticare leggermente, accarezzare piano, stuzzicare, stimolare, eccitare, lusingare anche in senso figurato. Si può, per esempio, titillare anche l’ambizione o l’amor proprio di qualcuno. L…

A morte i razzisti
A morte i razzisti

A morte i razzisti di Alessandro Ghebreigziabiher – A few Highlights like prices and/or location of plot. about 50 words Titolo: A morte i razzistiAutore: Alessandro GhebreigziabiherLingua: It…

La parola desueta: Mendace
La parola desueta: Mendace

Che non dice la verità, ingannevole, bugiardo e menzognero! La parola desueta di oggi, MENDACE, la potete trovare anche su YouTube cliccando qui. Potete trovare tutte le parole desuete anche su…

La parola desueta: Scinnide
La parola desueta: Scinnide

Danza dionisiaca sfrenata e indecorosa! Special guest: il grande percussionista Giorgio Rizzo. La parola desueta di oggi, SCINNIDE, la potete trovare anche su YouTube cliccando qui. Potete trova…

La parola desueta: Latomie
La parola desueta: Latomie

Cave di pietra (dal greco pietra e taglio) nelle quali, nell‘antichità, lavoravano prigionieri di guerra e detenuti. Queste sono quelle della Pillirina a Siracusa dalle quali, pare, abbiano tagliat…

La parola desueta: Subornazione
La parola desueta: Subornazione

Corruzione. Molto usato nel linguaggio giuridico è il reato di colui che corrompe un testimone, un perito o altro con denaro o altri vantaggi. La parola desueta di oggi, SUBORNAZIONE, la potete tr…

La parola desueta: Culaccino
La parola desueta: Culaccino

Ciascuna delle estremità di un insaccato di carne ma anche il residuo di un liquido che resta in fondo a un bicchiere o a un piccolo contenitore! Special guest: Marco De Amicis La parola desueta d…

La parola desueta: Anodino
La parola desueta: Anodino

Blando analgesico, farmaco che lenisce il dolore in medicina ma nell’uso comune, persona senza carattere, che non prende posizione decisa, che non esprime un parere netto. Si pronuncia “anòdino…

La parola desueta: Albedo
La parola desueta: Albedo

La parte più interna, bianca e spugnosa della buccia degli agrumi! E per i fisici, sì, certo, è il coefficiente di radiazioni ondulatorie o corpuscolari da parte di una superficie. Special guest: N…

La parola desueta: Eudemonia
La parola desueta: Eudemonia

La felicità quale scopo di vita e fondamento etico, felicità come fine ultimo dell‘agire umano. Dal greco „eu“ buono e „daimon“ genio, demone. Può consistere nella rettitudine, nel piacer…