Barbieri – Carlo Barbieri

Carlo Barbieri è nato.

Siciliano irrequieto, ha vissuto a Palermo, Catania, Teheran, Il Cairo. Adesso risiede a Roma. Secondo la definizione di Nisticò cara a Camilleri, è quindi un siciliano di mare aperto; ma, aggiunge lui, “con una lunga gomena che mi ha sempre tenuto legato alla mia isola”.

Marketer pentito, ha voluto punirsi delle malefatte della sua prima vita creando un suo commissario siciliano, Francesco Mancuso della Omicidi di Palermo. Un’idea  suicida, vista la ingombrante presenza del gigantesco commissario Montalbano; ma lui continua imperterrito e, fra romanzi e racconti, è arrivato già al sesto caso pubblicato. Sembra che insista con Mancuso un po’ perché il personaggio si rifiuta di morire, e un po’ a causa di qualche lettore, e soprattutto di qualche lettrice, che sostengono che Mancuso a Montalbano non gli somiglia proprio, e Vigata a Palermo gli fa un baffo.

Barbieri collabora, con microarticoli di costume e opinioni impregnati di umorismo e ironia, a diverse testate web fra le quali Malgradotutto – che ha ospitato firme come Sciascia, Bufalino, Camilleri, Savatteri – Ultima Voce, Fatti Italiani e Metro News, il giornale distribuito nelle metro di Roma, Milano e Torino.

Sue opere sono state premiate in diverse manifestazioni fra le quali il Giallo Garda, lo Scerbanenco@Lignano, il Città di Torino, il Città di Sassari. 

Barbieri inizia la collaborazione con Oakmond con L’autista, un racconto tratto dal suo primo libro, Pilipintò- Racconti da bagno per Siciliani e non.  Una raccolta di racconti fortunata, vincitrice del premio speciale della giuria al Premio Umberto Domina, forse l’unico in Italia dedicato alla letteratura umoristica.

I libri di Carlo Barbieri

La parola desueta: Ciambellano
La parola desueta: Ciambellano

Gran dignitario che nelle corti medioevali e moderne era addetto agli appartamenti reali, al guardaroba reale e anche alla sala del tesoro. Oggi questa figura si è perlopiù trasformata in quella del…

La parola desueta: Abborracciare
La parola desueta: Abborracciare

Fare o dire qualcosa alla meno peggio, mettere insieme alla meglio per malavoglia o incompetenza, arrangiare, insomma, eseguire qualcosa senza pregio alcuno. Special guest: l’attore Luca Luciani …

La parola desueta: Nequizia
La parola desueta: Nequizia

Malvagità, cattiveria, iniquità, propensione al male, azione perversa. Dal latino “nequam” aggettivo indeclinabile che significa di cattiva qualità, di poco valore, malvagio, dissoluto. La p…

La parola desueta: Titillare
La parola desueta: Titillare

Solleticare leggermente, accarezzare piano, stuzzicare, stimolare, eccitare, lusingare anche in senso figurato. Si può, per esempio, titillare anche l’ambizione o l’amor proprio di qualcuno. L…

A morte i razzisti
A morte i razzisti

A morte i razzisti di Alessandro Ghebreigziabiher – A few Highlights like prices and/or location of plot. about 50 words Titolo: A morte i razzistiAutore: Alessandro GhebreigziabiherLingua: It…

La parola desueta: Mendace
La parola desueta: Mendace

Che non dice la verità, ingannevole, bugiardo e menzognero! La parola desueta di oggi, MENDACE, la potete trovare anche su YouTube cliccando qui. Potete trovare tutte le parole desuete anche su…

La parola desueta: Scinnide
La parola desueta: Scinnide

Danza dionisiaca sfrenata e indecorosa! Special guest: il grande percussionista Giorgio Rizzo. La parola desueta di oggi, SCINNIDE, la potete trovare anche su YouTube cliccando qui. Potete trova…

La parola desueta: Latomie
La parola desueta: Latomie

Cave di pietra (dal greco pietra e taglio) nelle quali, nell‘antichità, lavoravano prigionieri di guerra e detenuti. Queste sono quelle della Pillirina a Siracusa dalle quali, pare, abbiano tagliat…

La parola desueta: Subornazione
La parola desueta: Subornazione

Corruzione. Molto usato nel linguaggio giuridico è il reato di colui che corrompe un testimone, un perito o altro con denaro o altri vantaggi. La parola desueta di oggi, SUBORNAZIONE, la potete tr…

La parola desueta: Culaccino
La parola desueta: Culaccino

Ciascuna delle estremità di un insaccato di carne ma anche il residuo di un liquido che resta in fondo a un bicchiere o a un piccolo contenitore! Special guest: Marco De Amicis La parola desueta d…

La parola desueta: Anodino
La parola desueta: Anodino

Blando analgesico, farmaco che lenisce il dolore in medicina ma nell’uso comune, persona senza carattere, che non prende posizione decisa, che non esprime un parere netto. Si pronuncia “anòdino…

La parola desueta: Albedo
La parola desueta: Albedo

La parte più interna, bianca e spugnosa della buccia degli agrumi! E per i fisici, sì, certo, è il coefficiente di radiazioni ondulatorie o corpuscolari da parte di una superficie. Special guest: N…

La parola desueta: Eudemonia
La parola desueta: Eudemonia

La felicità quale scopo di vita e fondamento etico, felicità come fine ultimo dell‘agire umano. Dal greco „eu“ buono e „daimon“ genio, demone. Può consistere nella rettitudine, nel piacer…

La parola desueta: Garrulo
La parola desueta: Garrulo

Ciarliero, festoso, che garrisce come le rondini! Loquace, strudulo, chiacchierino e chiassoso! La parola desueta di oggi, GARRULO, la potete trovare anche su YouTube cliccando qui. Potete trova…