Giacomo Stipitivich

Giacomo Stipitivich

Nato a Venezia nel 1982 da una famiglia di origine dalmata ma residente in città da mezzo millennio. Dopo aver completato gli studi superiori al liceo classico Marco Polo ho studiato storia moderna e relazioni internazionali presso l’università Ca’ Foscari di Venezia.

Viaggiatore seriale sono da sempre appassionato di storia veneta, delle esplorazioni, dei commerci, delle religioni, del vicino oriente e dell’India. Nel corso di un decennio di volontario peregrinare ho passato oltre un anno e mezzo nel subcontinente indiano, anni interi nel vicino oriente, sei mesi nell’Africa orientale e due anni nella California settentrionale tornando a Venezia per periodi più o meno estesi.

Avido lettore di romanzi d’avventura devo molto nello stile e nei concetti alle opere di Wu Ming, Ken Follett, Willbur Smith, Colleen McClough, Salgari, Umberto Eco, Arturo Perez Reverte oltre al realismo magico di Amado e Marquez, alle atmosfere esotiche di Amitav Gosh, Arhundathi Roi, Pearl Book e alle grandi avventure fantasy di Tolkien e G.R.R Martin.

Sposato e padre di un bambino per necessità familiari mi occupo di marketing mentre per passione scrivo romanzi storici. La mia grande ambizione sarebbe quella di poter un giorno realizzare una serie di libri che narrasse, attraverso il racconto di una serie di eventi selezionati, l’intera storia della mia città.

Con la Oakmond pubblica il romanzo storico d'avventura Lo schiavo patrizio che porterà il lettore in pieno Rinascimento in un viaggio che parte da Venezia fino all'India e ritorno.